Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

LA NOTTE DELL’IMPRENDITORE.

Maggio 8 @ 8:00 am - 5:00 pm

La notte dell’imprenditore

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

Un pubblico consapevole che avrebbe portato a casa nuove idee, ma soprattutto un cambio di paradigma rispetto al vecchio modo di pensare. E’ stato un successo, insomma, l’esito dell’incontro fra uomini d’azienda sul tema La notte dell’imprenditore, nella sala convegni Decor 2000 di Altamura. Certo, non è stato un meeting distensivo, dato l’argomento in trattazione, ma i presenti hanno potuto percepire una “luce” accendersi nel buio.

Nei miei precedenti articoli ho più volte ripetuto questa frase: “Ci sarà pure la crisi, ma noi cosa stiamo facendo?”; però, noto con enorme dispiacere che, soprattutto per i giovani, queste parole non vogliano dire granché. Forse perché convinti che ci sia qualcun altro che farà qualcosa al posto loro. E se a questo, poi, aggiungiamo l’assenza totale delle istituzioni (se non solo in veste di esattori), il gioco è fatto: si cade nella trappola dell’immobilità, peggiorando la situazione.

Il seminario dell’altra sera è stato davvero illuminante poiché è riuscito a dare più di una risposta proprio a quel tipo di domanda; cioè cosa fanno le persone e le aziende di successo in tempi di crisi?

  • Spengono il televisore, o quantomeno sanno che non devono farsi influenzare.
  • Deformano la realtà, trasformando i problemi in opportunità.
  • Pensano che le crisi e le difficoltà possano essere superate.
  • Pensano che ci sia un principio e una fine in tutto.

Questo tipo di atteggiamento li mantiene motivati e creativi. Le motivazioni sono il vero carburante che spingono oltre le persone e le aziende di successo.

Il clou della serata è stato raggiunto dall’intervento di Paolo Ruggeri, autore del libro “I Nuovi Condottieri” e titolare di “Open Source Management” di Bologna, (scuola cui devo buona parte della mia formazione), quando ha parlato delle prospettive future e delle sue indicazioni su come affrontare l’attuale scenario economico. Vediamo allora quali sono le azioni da fare, secondo Ruggeri.

  1. Occuparsi delle cause interne

Invece di usare i momenti sfavorevoli di mercato come giustificazione, bisogna occuparsi delle cause interne. Quali sono le aree d’inefficienza della tua azienda?

I cali di fatturato, o del giro d’affari, avvengono quando congiunture sfavorevoli esterne s’incontrano con una scena interna all’azienda, che già da qualche tempo era in difficoltà.

 

  1. Uscire dalla zona di confort

Imprenditori al comando di aziende vincenti escono dalla propria zona di confort, abbracciando progetti che fanno paura o creano eccitazione.

Quali sono le cose della nostra azienda che non stiamo affrontando?

Quali sono quelle cose che sappiamo di dover fare e che continuiamo a rimandare? Poniamoci obbiettivi chiari e sfidanti a 5 anni e scriviamoli.

Usciamo dalla zona di confort. Quando in passato l’abbiamo fatto, abbiamo sempre ottenuto buoni risultati.

 

  1. Abbracciare il marketing

Le aziende che crescono, anche in tempi di crisi, fanno davvero il Marketing che non è fatto solo di fiere, brochure e manifesti, ma sanno leggere il mercato.

Occorre avere un’idea su come portare valore al mercato.

Quali sono le reali necessità della nostra clientela e come la nostra impresa si sta organizzando per soddisfarle?

 

  1. Mettere controllo sugli aspetti finanziari

Le aziende di successo misurano gli utili su base mensile.

Sappiamo qual è la marginalità del nostro prodotto/servizio?

 

  1. Motivare le persone. Adottare una politica di gestione delle risorse umane

Un’idea imprenditoriale è direttamente proporzionalmente alla qualità delle persone cui l’hai fatta sposare.

Quando prendiamo a lavorare con noi delle persone, devono avere tre qualità: Capacità relazionale, Competenza tecnica e Motivazione.

 

  1. Migliorare se stessi

Chi guida tali aziende ha ben chiaro che il primo punto, di qualsiasi progetto d’impresa, consiste nell’intraprendere un programma per migliorare se stessi.

Per le performance individuali, l’importante non è quanto bravi già siamo. Quello che veramente conta è quanto aspiriamo a diventarlo.

 

  1. Alleanze

L’individuo singolo non ha successo, ma si limita a sopravvivere.

Diventiamo qualcuno di interessante da frequentare e con cui tutti vorrebbero fare affari.

 

Per concludere, la sintesi de La notte dell’imprenditore si può racchiudere in un famoso ed eloquente aforisma di Einstein che recita: “Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi”.

Giovanni Matera

Per consultare altri miei articoli

http://www.giovannimatera.it/libri/

Dettagli

Data:
Maggio 8
Ora:
8:00 am - 5:00 pm
Tag Evento:
, , , , , ,