Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

IL CORAGGIO DI REINVENTARSI.

Maggio 8 @ 8:00 am - 5:00 pm

IL CORAGGIO DI REINVENTARSI.
La ripresa sta per iniziare. Ma siamo pronti a ripartire? Siamo pronti a coglierla pienamente? Siamo pronti a sfruttare i trend che caratterizzeranno il futuro prossimo?
Queste le tematiche affrontate nel workshop che si è svolto a Bari, all’Hotel dei Principi, (anno 2015, ma sempre attuali) con l’aiuto di importanti opinion leader in diversi settori, per dare risposte attraverso i loro occhi e la loro esperienza sul campo.
Fiducia, entusiasmo, innovazione e coraggio sono state le parole chiavi più ripetute durante il convegno. Molte le aziende che, purtroppo non hanno retto all’impatto con la crisi odierna, o sono in notevoli difficoltà, ma molte altre sono riuscite non solo a resistere ma anche a batterla.
Già dai primi interventi dell’incontro barese è chiaramente emerso che tante aziende ce l’hanno fatta a superare la severa congiuntura in atto, perché hanno messo in pratica quelle quattro vitali parole: Fiducia, Entusiasmo, Innovazione e Coraggio; chi invece si è attardato a perseguire ancora vecchi schemi e vecchi paradigmi, adesso si trova sulla via del declino. Ma nulla è del tutto perduto. Si può ripartire e tornare protagonisti sul mercato, a patto però che si abbia la forza di riconoscere e analizzare gli errori commessi in passato e la volontà di porvi rimedio.
Il dott. Francesco Tosto, capo della Plus x nel ruolo di ottimo conduttore, si è avvalso di eccellenti relatori come la dott.ssa Giovanna Contento (selezione personale) e il dott. Fabio Cialdella (responsabile marketing) i quali, parafrasando la nascita di un bambino, hanno fatto una similitudine con una “Start Up”, per cui anche in questo caso occorre necessariamente fare ricorso a quelle quattro fondamentali parole affinché si possa conseguire il successo.
Poi è stata la volta del dott. Pasquale jr. Natuzzi (Strategic Marketing Natuzzi S.p.A.) il quale ha fornito una serie di risposte a quesiti posti dal dott. Tosto, esponendo anche la propria visione sugli atteggiamenti e strategie che la nostra imprenditoria dovrebbe assumere per il futuro:
Creare un bisogno. Creiamo qualcosa o innoviamo un prodotto/servizio che prima non c’era e vendiamolo.
Come ci vediamo tra vent’anni. Lo sguardo verso il futuro aiuta. Io, nei miei articoli mi ero limitato a cinque anni, ma lui è molto più giovane di me e ne ha aggiunti altri quindici.
Veloci nel reagire alle difficoltà. La visione, la meta in questi casi aiuta molto. Il sapere cosa si vuole fare da grande e un atteggiamento mentale positivo sono il carburante giusto.
IL mercato online e da tenere d’occhio. Bisogna inserirsi non combatterlo. Nel prossimo futuro le vendite online aumenteranno sempre di più e gli acquisti saranno sempre più personalizzati.
Altri spunti interessanti sono venuti dal dott. Gaetano Frulli (Fruman Rappresentanze S.r.L.):
Ritorno alla piccola distribuzione. A causa di una crisi prolungata, molte aziende della grande distribuzione stanno ritornando nei loro paesi di origine. Dobbiamo sfruttare questa opportunità riempiendo noi quei vuoti.
Sviluppo network, win-win (io vinco, tu vinci). Creare dei network che facciano da collegamento tra il produttore e il consumatore. La materarredamentishop va giusto in questa direzione. La forza di questo strumento sta nel fatto che ogni singola azienda può immettersi in una grande famiglia allargata e così poter diffondere i propri prodotti, dove, da sola, non sarebbe mai arrivata.
Re-start up. Si può ed è auspicabile che nascano dei RE-START UP (aziende esistenti che s’innovano nei prodotti o nei servizi) che si interessino principalmente delle persone. E’ la persona, in fin dei conti, che crea il mercato. Aggiungiamo emozione ai nostri prodotti o servizi e raccontiamo la loro storia. L’imprenditore oggi deve saper raccontare la storia del proprio prodotto o della propria azienda.
Si è parlato anche di turismo, grazie all’intervento del dott. Francesco Caizzi, presidente Federalberghi di Puglia:
Turismo come risorsa di tutto il territorio. Da subito il dott. Caizzi ha fatto notare che il turismo negli ultimi anni e in continuo aumento in tutto il mondo. L’Italia è scesa però dal quarto posto all’undicesimo. Se teniamo presente che il comparto turistico assume principalmente persone, è facile immaginare la perdita occupazionale.
La nostra cultura allontana l’imprenditorialità. Il turismo si sta spostando sempre più su una gestione imprenditoriale; anche altri settori non stanno messi meglio. Il problema è da ricercare nella famiglia: la mamma vuole il posto fisso per il figlio. Ci siamo mai chiesti perché un normale giovane italiano che va a lavorare in qualsiasi parte del mondo, subito diventa imprenditore, valido ricercatore, miglior manager in qualsiasi azienda? Qualcuno potrebbe obbiettare che è anche merito della formazione scolastica che ha ricevuto in Italia. E’ vero! Ma, allora, perché quelle loro capacità non vengono sprigionate in Italia.
Infine, il dott. Francesco Tosto ha tirato le conclusioni riportate qui in sintesi.
Rimettiamoci in gioco: facciamo quelle cose che sappiamo di dover fare.
Manteniamo la nostra identità: sviluppiamo il nostro Brand.
Stringiamo alleanze con fornitori, aziende ecc.
Sfruttiamo gli assett: paesaggi, cibo, design.
Sviluppiamo le abilità: partecipiamo a seminari e corsi formativi.
Sviluppiamo network (win-win): creiamo una rete in cui vincono tutti.
Investiamo nei fattori soft: formazione, persone, servizi, esperienze.
Puntiamo sulle persone, sono loro il nostro mercato.
Giovanni Matera
Per consultare altri miei articoli:

Dettagli

Data:
Maggio 8
Ora:
8:00 am - 5:00 pm
Tag Evento:
, , , , ,